Contesto

Secondo il Terzo Resoconto Demografico della Commissione Europea, la percentuale della popolazione di età superiore a 65 anni aumenterà di più del 30 percento del totale della popolazione nel 2060. Ciò significa che l'invecchiamento della nostra società è un dato di fatto. Tuttavia, questo fenomeno non va visto in maniera negativa, ma piuttosto come un'opportunità per nuove forme di solidarietà. A questo proposito, è stato sottolineato che i cittadini anziani sono ampiamente coinvolti nelle attività di volontariato. In realtà, il numero delle persone anziane impegnate nel volontariato sta crescendo dappertutto in Europa.

Fare volontariato è un'opportunità, non solo per essere socialmente attivi e sentirsi parte di una società , ma anche per acquisire abilità e competenze. Il volontariato può essere considerato come un ambiente d'apprendimento naturale, specialmente per chi viene escluso dal settore dell'educazione formale o trova difficile rientrate nel mercato del lavoro. Così, per migliorare le opportunità di reinserimento sociale è fondamentale validare le competenze acquisite durante l'attività di volontariato.

Per questa ragione ValidVol intende trarre vantaggio dalle esperienze significative che sono state svolte in Europa per quanto riguarda la validazione delle competenze formali ed informali, acquisite tramite l'attività di volontariato. A tal fine, ValidVol svilupperà un sistema che potrà essere usato per certificare le competenze-chiave acquisite dai volontari anziani.

"ValidVol" intende contribuire, in questo modo, alla creazione di strumenti, modelli e schemi che identificano chiaramente le competenze-chiave acquisite dai volontari.

Fornire tale riconoscimento potrà motivare i volontari anziani ad essere coinvolti in ulteriori attività di apprendimento e potrà anche facilitare e migliorare la loro situazione occupazionale.